CULTURABILITY, ECCO I VINCITORI
C’È ANCHE UN PROGETTO SICILIANO

Palazzi storici vuoti, fabbriche dismesse, spazi commerciali sottoutilizzati, luoghi di cultura chiusi, ma non solo: queste le sfide che racconta e vuole affrontare ogni vincitore

C’è anche un progetto siciliano tra i cinque selezionati dal bando 2017 “Culturability – rigenerare spazi da condividere”, promosso dalla Fondazione Unipolis per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerano spazi abbandonati o sottoutilizzati. Un lavoro difficile quello della Commissione, considerato il numero, la qualità e la visione dei partecipanti, in grado di superare una prima dura selezione a cui avevano partecipato ben 429 progettualità arrivate da tutta Italia. A partire dai criteri di valutazione indicati dal bando, hanno prevalso i progetti più vicini agli obiettivi indicati dalla call, la maggior parte di questi proviene da regioni del Mezzogiorno.

I 5 cinque progetti selezionati sono, in ordine alfabetico:

Evocava – Museo evocativo delle cave | Mazara del Vallo (Trapani)
FaRo – Fabbrica dei saperi a Rosarno | Rosarno (Reggio Calabria)
L’Asilo MEZZI SENZA FINE | Napoli
Lottozero / textile laboratories | Prato
MET – Meticceria Extrartistica Trasversale | Bologna

Palazzi storici vuoti, fabbriche dismesse, spazi commerciali sottoutilizzati, luoghi di cultura chiusi, beni naturalistici dimenticati che riprendono vita, rinascendo come luoghi di cultura e spazi di comunità: queste le sfide che racconta e vuole affrontare ogni vincitore. Ciascuno dei 5 progetti riceverà 50 mila euro e la possibilità di prendere parte a un ulteriore percorso di accompagnamento e mentoring – anche in questa fase sviluppato dai nostri partner Avanzi/Make a Cube³ e Fondazione Fitzcarraldo. Complessivamente, 400 mila euro stanziati da Fondazione Unipolis, tra contributi economici per lo sviluppo dei progetti selezionati, attività di accompagnamento per l’empowerment dei 15 team finalisti, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto e formazione.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato