NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Chiostro del Duomo di Monreale
Guarda la gallery
6 foto
Dettaglio prima della pulitura
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Dettaglio prima della pulitura

Dettaglio dopo il restauro
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Dettaglio dopo il restauro

Chiostro del Duomo di Monreale
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Chiostro del Duomo di Monreale

Chiostro del Duomo di Monreale
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Chiostro del Duomo di Monreale

Chiostro del Duomo di Monreale
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Chiostro del Duomo di Monreale

Chiostro del Duomo di Monreale
NOVITÀ AL DUOMO DI MONREALE
ECCO IL PERCORSO DI VISITA INEDITO

Chiostro del Duomo di Monreale

Sino ad oggi ogni singolo luogo – chiostro, cappella, museo – era dotato di ingressi autonomi. Ora si potrà acquistare un biglietto unico di 10 euro

Per la prima volta un percorso di visita inedito condurrà il pubblico alla scoperta di uno dei più importanti complessi monumentali del medioevo siculo-normanno e farà comprendere l’idea fondante che mosse re Guglielmo II che volle fortemente la nascita non solo del Duomo di Monreale, ma dell’intero complesso abbaziale. Grazie alla collaborazione sinergica tra la Curia con l’Arcidiocesi di Monreale, la Soprintendenza ai Beni Culturali della Regione Siciliana, con il concessionario CoopCulture, è stato costruito un itinerario di visita che ricostruisce l’integrità, articolata in diversi spazi sacri e di potere del gioiello architettonico.

Il percorso di visita guiderà gli spettatori nell’esplorazione del Duomo, leggerà il Vecchio e il Nuovo Testamento sui mosaici, ammirerà il Cristo Pantocratore e passerà quindi alla cappella del Crocifisso – meglio nota come Cappella Roano, dal nome del suo fondatore – che accoglie il Tesoro del Duomo; proseguendo poi, si visiterà il Museo Diocesano, all’interno del Palazzo Arcivescovile, e l’aula capitolare di San Placido che ospitava l’assemblea dei monaci, per concludere la passeggiata lungo gli ambulacri del chiostro. Da non perdere l’esperienza condivisa delle terrazze del Duomo da cui si gode una straordinaria vista sulla città.

Sino ad oggi ogni singolo luogo – chiostro, cappella, museo – era dotato di ingressi autonomi. Ora si potrà acquistare un biglietto unico di 10 euro (attivo dai primi giorni di ottobre) alla nuova biglietteria del chiostro, dotata di un bookshop attento ai prodotti artistici del territorio, veri e propri oggetti d’arte nati dalle mani degli artigiani siciliani; qui sarà inoltre in vendita una linea esclusiva – borse, taccuini, matite, bookmarkers, cartoline e altro – che richiama nel logo, gli elementi architettonici del complesso monumentale. Sempre alla biglietteria, è anche possibile dotarsi di audio guide complete in più lingue per approfondire la visita.

Proprio la nuova biglietteria ha regalato un tesoro nascosto: durante il restauro, promosso da CoopCulture sotto il controllo della Soprintendenza, sono affiorati degli affreschi che finora dormivano, dimenticati, sotto strati e strati di grossolano intonaco. I restauratori – Sophie Bonetti e Giuseppe Traina con i collaboratori Flavia Alaimo, Delia Ducato, Giulia Giacchi, Salvatore Giarratano – si sono trovati dinanzi un delicato motivo floreale, putti, vasi, volti di donna e una decorazione “a grottesche”, sia sul soffitto a volta che in una nicchia della parete che probabilmente accoglieva un altare e un’icona. Un vero e proprio ambiente inedito, progettato da Giuseppe Marsala, che oggi accoglie i visitatori che visitano il chiostro.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato