“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

Guarda la gallery
9 foto
“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE
abito 1 MORE - bridal - plumeria -9

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

“PLUMERIA”, BRIDAL COLLECTION DI MORE:
ABITI DA SPOSA DELICATI COME UN FIORE

Una collezione di abiti da sposa dalle linee essenziali, proprio come i petali della pomelia: fiore che a un osservatore superficiale può apparire semplice e minimale ma che, in realtà, racchiude in sé eleganza e ricercatezza

Un fiore venuto da lontano ha fatto di Palermo la sua casa ed è stato talmente apprezzato da sbocciare anche sull’ultima collezione di abiti da sposa di More. Si chiama “Plumeria”, infatti, la bridal collection 2018 che la stilista Morena Fanny Raimondo ha realizzato. Dieci abiti in cady, pizzo chantilly, pizzo macramè, chiffon, organza, tulle point d’esprit, seta, cotone, lana ma soprattutto fiori d’organza intagliati e lavorati a mano che raffigurano il frangipani, il fiore dal profumo che ha sedotto prima ancora dell’olfatto la vista.

Una collezione di abiti da sposa dalle linee essenziali, proprio come i petali della pomelia: fiore che a un osservatore superficiale può apparire semplice e minimale ma che, in realtà, racchiude in sé tutta quell’eleganza che solo la ricercatezza sa avere. “La pomelia è il fiore simbolo della città – spiega Morena Fanny Raimondo -. È un fiore migrante che ha fatto di Palermo la sua casa. Non è un caso se la prima ad aver indossato gli abiti di questa collezione, proprio all’Orto Botanico dove vengono custodite le più antiche specie, è una donna dai tratti stranieri. In questo preciso momento storico, infatti, pensare ad una collezione che rimandi interamente ad un fiore, sofisticato in botanica, emancipato in storia, è fondamentale per chi immagina la moda come l’ottava arte”.

Il nome della bridal collection, che prende spunto da quello botanico del fiore, rimanda all’Ottocento quando alle donne promesse in matrimonio si regalava proprio un mazzetto di pomelie. Gli abiti di “Plumeria” sono minimali nei volumi delle gonne, abbandonando le sottogonne e i multi strato per avere delle linee più contemporanee. I corpetti sono lavorati con il pizzo e con applicazioni di pomelie ricamate all’uncinetto o in organza secondo l’antica tradizione del ricamo siciliano. Ed è proprio il ricamo il tratto distintivo dell’ultima collezione di More.

Dopo la collezione sposa dedicata a Donna Franca Florio, ecco che la stilista palermitana si lascia suggestionare ancora una volta dalla sua terra restandone folgorata in fase creativa. “Vorrei legare sempre più More alla mia Palermo – prosegue la mente di More -. Oggi in tanti trovano nel Sud e nel suo folclore ispirazione. Pioniere di questo è Dolce & Gabbana, capace di far da traino ad altri piccoli brand che, sulla loro scia, ripropongono coffe, carretti, maioliche, teste di moro, pigne e cannoli dai colori accesi ma che rendono monotono l’ideale siciliano. Questa è una terra dalla lunga storia nobiliare, fatta di eleganza e sfarzo che, spesso, la moda non prende in considerazione”.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato