TAGLIARE LA FRANGIA?
SÌ, BASTA SCEGLIERE IL TIPO GIUSTO

Asimmetrica, lunga, dritta: ogni frangia è adatta a diversi tipi di capelli e di forme del viso

Molte donne hanno il desiderio di tagliare la frangia, ma non tutte lo fanno: spesso la paura di un risultato non all’altezza delle aspettative frena gli entusiasmi.

È facile infatti liquidare la questione frangia pensando “non mi starà mai bene”, ma la verità è che ci sono tanti tipi di frangia, e che l’ideale è trovare quello adatto a sé, magari chiedendo a un esperto un consiglio prima di decidere di tagliarla.

Asimmetrica: la frangia per tutte

La frangia asimmetrica, per esempio, è un tocco sbarazzino che si sposa benissimo con i capelli mossi e che ravviva anche ai capelli lisci. Il suo styling è piuttosto semplice e non richiede sempre la piastra: anche la versione “stropicciata” ha un suo perché, basta saperla portare con disinvoltura.

Il taglio ideale per capelli liscissimi

Più difficile, invece, la frangia dritta, liscia e piena. Ideale per chi ha ricevuto da madre natura una chioma a spaghetto, richiede invece una manutenzione quotidiana a chi ha i capelli mossi e tende a farsi la piega. Gli esperti la sconsigliano a chi preferisce tenere i capelli al naturale, ricci o mossi, perché creerebbe uno stacco troppo netto.

Per quanto riguarda la forma del viso, questa frangia è storicamente consigliata a chi vuole assottigliare un viso un po’ troppo ovale.

Lunga, versatile e sempre chic

Una via di mezzo in grado di soddisfare le esigenze di molte donne è la frangia lunga, quella che si può portare anche di lato o aperta al centro. Dona particolarmente ai visi ovali e rotondi, perché enfatizza gli zigomi, e proprio per questo motivo non è sempre consigliata a chi ha un viso squadrato.

La frangia finta: tentar non nuoce!

Chi infine vorrebbe provare la frangia solo per un giorno, può optare per la frangia finta, da applicare facilmente con delle clip nascoste. Una soluzione veloce e molto semplice per sperimentare la frangia prima di passare allo step successivo: il taglio dal parrucchiere.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato