Marsala Revolution: le Cantine Pellegrino premiate al Vinitaly

cantine pellegrino

Lo storico brand siciliano si è aggiudicato il Premio Speciale "Packaging 2018" per la nuova linea di Marsala

Doppio riconoscimento per le Cantine Pellegrino alla 22esima edizione della International Packaging Competition di Vinitaly. Lo storico brand siciliano si è aggiudicato il Premio Speciale “Packaging 2018” per la nuova linea di Marsala e l’Etichetta d’Oro per il Marsala Doc Superiore Ambra Dolce “Anita Garibaldi” 2012. Già lo scorso anno Pellegrino aveva conquistato premi analoghi per i vini liquorosi e di Pantelleria e, nel 2018, sono ben 5 le etichette premiate. Il Marsala, icona dell’enologia siciliana, è protagonista di un grande progetto, una vera e propria rivoluzione di stile, che passa attraverso la nuova veste delle etichette.

Cinque diverse tipologie di Marsala – ognuna per una specifica occasione di consumo – hanno cinque etichette diverse, ognuna delle quali è dedicata a nomi illustri del passato che hanno segnato la storia di questo vino. Si tratta di John Woodhouse, Benjamin Ingham, Joseph Whitaker, Horatio Nelson e Anita Garibaldi.

Il nome del progetto è Marsala Revolution e si tratta di un modo per raccontare la storia di questo prodotto, che ha contribuito all’affermazione della Sicilia come una tra le migliori aree di produzione vinicola al mondo. Per arrivare al presente, si è partiti dall’incontro tra due mondi geograficamente distanti: quello delle ricche famiglie imprenditoriali inglesi, arrivate in Sicilia nel Settecento e quello dei viticoltori marsalesi, da generazioni detentori di un sapere millenario, che è stato tramandato da padre a figlio.

I vini del progetto Marsala Revolution

  1. Old John, Marsala Superiore Riserva Ambra semisecco 1998: da uve Grillo, Catarratto e Inzolia, coltivate nell’entroterra di Marsala e Mazara del Vallo, intrigante per il suo colore ambra intenso, è un vino versatile, con gradevoli note di albicocca e carruba, e lievi sentori di timo e pepe nero.
  2. BIP Benjamin, Marsala Superiore Riserva Oro dolce 2013: da uve Grillo, Catarratto e Inzolia coltivate nella fascia costiera occidentale tra Marsala e Petrosino, il suo colore oro brilla al calice. Dolce e intenso nei suoi profumi, con note di melone e nespola. Al palato, dolce e persistente con note evidenti di albicocca e pera cotta. Si abbina a tutti i dolci ed esalta in particolare quelli con le creme di ricotta, tipicamente siciliani. Intrigante in abbinamento a formaggi stagionati e piccanti]
  3. Uncle Joseph, Marsala Superiore Rubino dolce 2015: unico da uve nero d’Avola, coltivate a Mazara del Vallo, è un vino dal colore rosso rubino, dolce, fresco e fruttato con note di ciliegia, melograno e prugna. Al palato è avvolgente e vellutato. Un Marsala che ravviva la tradizione in armonia con i moderni modelli di consumo; ideale in abbinamento al cioccolato o utilizzato per la preparazione di cocktail innovativi e dalla grande personalità.
  4. Horatio, Marsala Som Ambra secco 2011: ammaliante il suo colore ambrato e inebrianti i suoi profumi di albicocca e fico secco.
  5. Anita Garibaldi, Marsala Superiore Ambra dolce 2012: da uve Grillo, Catarratto e Inzolia, coltivate nei vigneti di Marsala e Mazara del Vallo, ha un profumo persistente e intenso con note di mela cotogna e piacevoli sentori di fico secco e vaniglia. Un marsala che seduce sorso dopo sorso, dolce e passionale con le sue gradevoli note mielate.
Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato