La Grotta Mangiapane, il borgo siciliano incastonato nella roccia

grotta mangiapane

A scoprire la Grotta Mangiapane furono alcuni nostri antenati del Paleolitico superiore e i primi studi in merito furono condotti nel 1870

Esiste un borgo disabitato e incastonato nella roccia, dove il tempo sembra essersi fermato. Quel borgo si trova in Sicilia ed è ancora oggi uno dei luoghi più particolari che si possono vedere sull’isola. Siamo in provincia di Trapani e stiamo parlando della grotta Mangiapane: a voler essere precisi, non si può parlare di un vero e proprio borgo, perché si tratta di una delle caverne delle grotte di Scurati (Custonaci), che è stata abitata sin dall’antichità.

A scoprire la Grotta Mangiapane furono alcuni nostri antenati del Paleolitico superiore e i primi studi in merito furono condotti nel 1870, dal marchese Guido Dalla Rosa. Seguirono, poi, quelli di Raimond Vaufrey nel 1925. Con il passare del tempo, quello che fu un rifugio preistorico è stato trasformato in un micro-borgo.

Qui, a partire dagli anni Cinquanta, abitarono i Mangiapane, una famiglia di agricoltori e pescatori, che costruì proprio nella grotta non soltanto alcune abitazioni, ma anche una stalla, un forno a legno e una cappella. Una vera e propria cittadella, dunque, con il pregio di avere un panorama mozzafiato sul Golfo di Erice.

Le case della famiglia Mangiapane sono state restaurate, ma all’interno della grotta tutto è rimasto come era. Così i visitatori possono davvero tornare indietro nel tempo, conoscere qualcosa in più della vita quotidiana degli abitanti del villaggio e vedere alcuni dei loro oggetti, a partire dagli attrezzi da lavoro. Il fascino della Grotta Mangiapane non è passato inosservato agli occhi del mondo televisivo. Proprio qui, infatti, sono stati girati alcuni episodi della serie “Il Commissario Montalbano”.

La grotta Mangiapane, Sicilia da scoprire

Ogni anno, inoltre, a Natale questi spazi si animano di vita per un suggestivo presepe vivente, cui partecipano oltre 160 interpreti. Un appuntamento che ritorna puntuale dal 1983 e che rientra anche nei cento beni immateriali della Sicilia. Che sia per conoscere qualcosa in più sulla storia dell’isola o per godere di una vista mozzafiato, le premesse ci sono tutte: potrebbe essere arrivato il momento di visitare la Grotta Mangiapane! Per informazioni, cliccate qui.

Foto di tato grassoOpera propria (personal work), CC BY-SA 3.0, Collegamento

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato