Vino, cucina e caffè: Palazzo Butera accoglie una novità firmata Tasca d’Almerita

Il restauro verrà completato il prossimo anno, ma il cantiere si sta svelando, poiché parte del circuito di allestimenti site specific di Manifesta 12

Quella di Palazzo Butera è una rinascita a 360°, che passa attraverso storia, cultura, arte ed enogastronomia. L’edificio del Settecento che si affaccia sul mare è appartenuto ai principi di Butera e ora ha un nuovo proprietario: Massimo Valsecchi, imprenditore e collezionista Lombardo che, insieme alla moglie Francesca, lo ha scelto per custodire e mostrare al pubblico la sua collezione d’arte.

Gli artisti della collezione Valsecchi sono davvero tanti, da Annibale Carracci ad Andy Warhol, e non mancano reperti e maioliche. Palermo potrà godere di questi gioielli non appena saranno terminati i lavori di restauro, diretti dall’ingegnere Marco Giammona, ma nel frattempo c’è già molto da vedere, grazie a Manifesta, la biennale itinerante d’arte contemporanea che andrà avanti fino al prossimo novembre.

Il restauro verrà completato il prossimo anno, ma il cantiere si sta svelando, poiché parte del circuito di allestimenti site specific della biennale. Poi sarà la volta di risplendere in tutta la sua bellezza, con i suoi 7mila metri quadrati affacciati sul Foro Italico, un piano dedicato alle mostre, uno alla collezione permanente e uno alle residenze artistiche. Ma non solo.

Le Cattive di Tasca d’Almerita

C’è, tra le altre cose, anche un progetto di ristorazione mussale, a cura di Tasca d’Almerita, che entrerà in attività alla fine di giugno. La novità prende il prestito il nome “Le Cattive”, dal nome della Passeggiata sul Foro Italico che porta memoria del dolore delle vedove (le “captive”) in cerca di discrezione, proporrà caffè, vino e cucina. Da mattina a sera, nel locale di Tasca d’Almerita sarà possibile fare colazione o un pranzo veloce, bere un cocktail o un bicchiere di vino.

La proposta gastronomica, svela Il Gambero Rosso, sarà affidata al giovane Daniele Olivastro e valorizzerà il territorio. Il pezzo forte, poi, sarà il dehors lungo la Passeggiata delle Cattive, dove sta sorgendo un orto di erbe aromatiche. Il locale, sotto la direzione di Luigi Pavesi del Capofaro Malvasia&Resort di Tasca d’Almerita, seguirà gli orari di apertura del museo, a partire dalle 10.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato