Treni storici del gusto: un modo inedito di scoprire la Sicilia

I 23 percorsi proposti, battezzati I treni storici del gusto, percorreranno le più belle zone della Sicilia e consentiranno di vivere un’esperienza di viaggio originale

Ammirare la Sicilia dal finestrino di un treno e perdersi nei paesaggi, negli scorci e nelle sue infinite sfumature, lungo un percorso che conduce alla scoperta dei suoi sapori migliori. Tutto questo è possibile grazie all’itinerario pensato dalla Fondazione FS Italiane e Regione Sicilia, che porta lungo belle regionali, storiche, naturalistiche, artistiche e gastronomiche.

I 23 percorsi proposti, battezzati I treni storici del gusto, percorreranno le più belle zone della Sicilia e consentiranno di vivere un’esperienza di viaggio originale. Direttamente dal finestrino di una carrozza degli anni ’30, dunque, l’Isola scorrerà davanti agli occhi, accompagnando il viaggiatore in una sorta di viaggio nella memoria. La millenaria Trinacria si rivelerà in tutta la sua bellezza mentre il treno, con il fascino del suo lento scorrere lungo binari senza tempo, si perderà nelle mille pieghe di un paesaggio unico al mondo.

Treni storici del gusto: natura, cultura e gastronomia

La storia, l’archeologia, la natura costituiranno, di volta in volta, le quinte di uno scenario in continuo mutamento: dalla meravigliosa Ferrovia del Barocco, la Siracusa – Ragusa, punteggiata da centri storici quali Modica, Noto, Scicli, Ragusa Ibla, alle linee costiere, la jonica e la tirrenica, che condurranno il viaggiatore lungo itinerari che comprendono i centri più importanti della storia e della cultura siciliane: Taormina, Catania, Cefalù, Palermo e Messina.

Il primo viaggio parte il 28 luglio e si andrà avanti, con le tante proposte, fino al mese di dicembre: la cultura culinaria sarà grande protagonista, perché i viaggiatori potranno degustare, a bordo del treno e a terra, tanti piatti tipici locale e potranno partecipare a sagre, manifestazioni, eventi e festival nei vari comuni. Un bellissimo modo per conoscere meglio i prodotti del territorio, le specialità e le ricette più antiche, che hanno contribuito a creare l’identità unica dei vari borghi.

Il progetto è stato redatto dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo ed è realizzato con la collaborazione della Fondazione Ferrovie dello Stato e Slow Food Sicilia, utilizzando i finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Per saperne di più potete visitare il sito di Fondazione FS, cliccando qui.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato