A teatro nella cornice di Monte Iato: quattro spettacoli in programma

monte iato spettacoli

Non solo visite guidate ai reperti dell’antica Jetas, ma anche un palcoscenico d’autore che darà al parco, visibilità, incremento turistico e affluenza di visitatori

Monte Iato si apre allo spettacolo: una rassegna di quattro eventi – tra rappresentazioni teatrali e concerti – inaugura la nuova veste dell’area archeologica, sempre più protagonista di manifestazioni culturali.

Ecco gli spettacoli in programma a Monte Iato

Allo Iato arriva sabato alle 18, “Addabbanna”, regia e coreografia di Patrizia Veneziano con Domenico Bravo e Viviana Lombardo, in collaborazione con Studio Danza Due.

“Addabbanna” racconta la storia di Nina, Stella, Rosa e Ugo, che inseguono i loro sogni imbarcandosi in una traversata che promette un futuro diverso, più bello. Nina vuole diventare ricca, Stella ha manie di grandezza, Rosa è l’unica che resterebbe a casa, ma è costretta a seguire il padre. Ugo, invece, resta un personaggio indefinito: il viaggio diventa loro metafora di trasformazione.

Domenica, sempre alle 18, “Evoè per Dioniso“, rito dionisiaco fra ricerca e spettacolo a cura di Filippo Amoroso che firma anche la traduzione, nato da un’idea di Aurora Miriam Scala con la regia di Cinzia Maccagnano. Con Edoardo Siravo e Rocco Mortelliti.

Si riprende poi il prossimo weekend: sabato (29 settembre) alle 18 concerto del quartetto di Sergio Munafò a cui si aggiunge Pamela Barone con “Amarsi un pò”. Dalle celebri song americane alla bossanova arrivando alla sempreverde melodia italiana d’autore. Gli arrangiamento sono curati dallo stesso Munafò.

La rassegna chiude il 30 settembre (alle 18) con “Pomice di fuoco”, regia di Vincenzo Pirrotta che ha voluto con lui in palcoscenico Filippo Luna ed Alessio Bondì per le musiche. Uno spettacolo difficile, ma interessante, che si gioca sul suo sottotitolo, “confessioni postume di Ignazio Buttitta”. “Temi come la povertà, la guerra, la politica, la rivoluzione, la natura, l’amore declinati dalla feroce dolcezza di Ignazio Buttitta, ci riporteranno in un mondo che forse è scomparso e non ritornerà più”, spiega Pirrotta.

Il progetto è direttamente promosso dall’Assessorato ai Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e da Taormina Arte, realizzato grazie a Coopculture, e punta a realizzare un “Teatro al Museo ed il Museo diventa Teatro”. Il progetto si avvale anche della collaborazione di Taormina Arte.

Biglietto: singolo: 10 euro, abbonamento ai quattro spettacoli, 20 euro. Navetta a pagamento da piazza Unità d’Italia per gli spettacoli del 23 e del 30 settembre. Partenza alle 17.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato