Mak Mixology scommette sulla cucina di Fabio Gandolfo

di Manuela Zanni

All’interno della storica Galleria delle Vittorie, uno dei posti più suggestivi del centro storico di Palermo, esiste un luogo in grado di trasportare immediatamente in un’atmosfera dal gusto retrò mantenendo intatto il fascino di una città d’altri tempi.

Si tratta di Mak Mixology ristorante e cocktail bar, che a meno di un anno dall’apertura, avvenuta lo scorso agosto 2018, ha già voglia di rinnovarsi puntando su sapori, consistenze, materie prime ed abbinamenti innovativi e d’avanguardia.

La nuova scommessa porta la firma dello chef palermitano Fabio Gandolfo, classe ’71, la cui filosofia gastronomica, e la cucina che ne consegue, è fortemente identitaria e di personalità, con proposte che traggono spunto dalla tradizione, prediligendo ingredienti locali che, tuttavia, non nascondono influenze provenienti dalle esperienze svolte nelle cucine del Nord Italia.

Fabio ha lavorato presso le cucine rinomate di diversi alberghi e ristoranti. Tra questi il ristorante Babette ad Albenga, segnalato dalla guida Michelin 2019.

“Mak Mixology è un luogo d’ospitalità raffinata in cui vanno in scena ogni giorno i desideri dei commensali – afferma Filippo Genovese, titolare – perfettamente in linea con la vocazione del territorio. L’obiettivo è quello di regalare all’ospite un’esperienza multisensoriale in un luogo dove passato e presente si fondono nel gusto del bello”.

I piatti sposano l’arte dei cocktail Mixology: drink studiati e realizzati con eleganza, tecnica e cura dai Bartender Matteo Bonandrini e Luca Catanzaro, col supporto di Nicolò Cottone.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato