fbpx

CARTOGRAFIA ITALIANA DEL BRICOLAGE
QUALE REGIONE È PIÙ FAI DA TE?

Cresce l’interesse per il fai da te: oltre un terzo degli italiani ripara da solo i guasti casalinghi e crea progetti con le proprie mani. Le regioni più bricolage sono al sud

Tutti pazzi per il bricolage. ManoMano.it, il più grande eCommerce di bricolage in Europa, ha realizzato un sondaggio per indagare la propensione al fai da te degli italiani. Sono emersi modelli diversi a seconda delle zone, ma in generale c’è un crescente interesse per l’home made. Questa nuova tendenza, infatti, non solo permette di risparmiare in un periodo di crisi, ma aumenta anche la gratificazione per la creazione di prodotti con un ‘valore affettivo’ aggiunto. Così oltre un terzo degli intervistati (il 69,4%) dichiara di occuparsi di bricolage e della riparazione di piccoli guasti casalinghi, il 65,8% dichiara di creare oggetti e progetti con le proprie mani.

 L’area italiana con più propensione al bricolage è il Sud, con l’86% di appassionati di fai da te, seguita dal Centro (72%) e infine dal Nord (51,5%). La regione che spicca su tutte è la Calabria (con il 100% degli intervistati che dichiara di occuparsi delle riparazioni domestiche e di fai da te), seguita a ruota dalla Sicilia, mentre il fanalino di coda che chiude la classifica è il Piemonte (solo il 42,8% si dedica al bricolage). Gli ambiti più gettonati per le riparazioni casalinghe e i progetti di bricolage sono quelli più tradizionali, dal montare i mobili (86,3%), al giardinaggio (60,8%) e alla decorazione (56,9%), ma quasi la metà degli intervistati si occupa anche di riparazioni di idraulica ed elettricità.

 Tra chi ama creare oggetti e progetti con le proprie mani, le tecniche preferite sono la lavorazione del legno (56,3%), le ristrutturazioni (33,3%) e il decoupage (31,3%), mentre sono meno esplorare ceramica (6,3%) e modellistica (12,5%). Di conseguenza, il materiale più utilizzato è il legno (70,8%), seguito da pitture ed elementi decorativi (56,3%) ma è diffuso anche il recupero di materiali di scarto (47,9%), evidenziando una propensione al riuso che ben si sposa con le nuove istanze green ed ecologiste.

Per gli amanti del fai da te italiani, il luogo di acquisto delle materie prime prescelto rimane ancora il negozio fisico, principalmente la grande distribuzione (61,6%), mentre solo l’8,2% effettua i propri acquisti online. Anche se oltre un intervistato su tre cerca online consigli e suggerimenti per acquistare i prodotti, più della metà si fida di più del consiglio del personale in negozio (52,2%). La spesa annua per prodotti di bricolage è sotto i 50 euro per quasi la metà degli intervistati, solo uno su cinque spende oltre i 100 euro in un anno.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato