fbpx

LA MODA? È SOSTENIBILE!
GLI STUDENTI STILISTI DEL RICICLO

Le creazioni degli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Palermo in passerella ai Cantieri Culturali alla Zisa, nel segno del riciclo e dei materiali ecologici

Lo spazio Ducrot dei Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo si trasforma in una passerella per quaranta creazioni degli studenti dell’Accademia di Belle Arti del capoluogo siciliano. Le produzioni di moda hanno in comune un dettaglio molto importante: sono rigorosamente realizzate con materiali di riciclo ed ecologici. Appuntamento alle ore 17 di venerdì 27 maggio: l’evento ha coinvolto i ragazzi del corso di progettazione della Moda, in particolare quelli che seguono le due materie “decorazione moda” e “fashion design”. Il progetto è coordinato dalla docente Martina Pecoraino.

Ogni studente ha realizzato due tipologie di abito: la prima rivisita la tunica del XII secolo di Ruggero II, da rielaborare in chiave contemporanea, con materiali di riciclo. La seconda è una rielaborazione dello zendado, velo bolognese di seta del Seicento, che veniva usato come copricapo. A queste, si affiancheranno altre produzioni degli studenti e saranno esposti anche costumi teatrali, realizzati dagli allievi del corso di produzione sartoriale per il teatro. Gli studenti sono stati educati alla “produzione etica”, che rivaluta gli scarti e punta a un consumo consapevole. L’obiettivo è una produzione di qualità con materiali che resistano nel tempo.

2 Commenti
  1. Fantastica iniziativa per conoscere realtà partecipi della moda ecosostenibile visto che propio la industria tessile è la seconda più inquinante del pianeta; noi imprenditori di nuovi brand ecosostenibili e di fairtrade siamo fieri di fare parte di questa giusta causa

  2. Fantastica iniziativa per conoscere realtà partecipi della moda ecosostenibile visti che propio la industria tessile è la seconda più inquinante del pianeta; noi imprenditori di nuovi brand ecosostenibili e di fairtrade siamo fieri di fare parte di questa giusta causa.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato