fbpx

CASA E PARTENZA PER LE VACANZE
COME SI ORGANIZZANO I SICILIANI

In vista delle vacanze molti siciliani si dicono in ansia all'idea che possa succedere qualcosa alla propria abitazione mentre sono via

Preoccupati quando si è lontani da casa? Abbastanza, ma si fa affidamento sul potere rilassante delle vacanze. È quanto emerge dall’indagine dell’assicurazione Aviva e dell’istituto di ricerca Lorien Consulting sull’approccio degli italiani alla gestione della propria abitazione in occasione di periodi di vacanza. L’analisi si è focalizzata su emozioni e abitudini – con un particolare focus su strumenti di prevenzione e pratiche di sicurezza – e ha coinvolto più di 1.500 italiani dai 30 ai 74 anni.

CASA, VACANZE E EMOZIONI
In vista delle vacanze, il 19% degli italiani si dice in ansia all’idea che possa succedere qualcosa alla propria abitazione mentre è via. Il 44%, invece, se ne preoccupa ma non ci pensa più una volta partito. Quasi 1 italiano su 3, inoltre, dichiara di non essere organizzato per prevenire problemi, con punte del 38% tra chi vive in affitto. In linea con la media nazionale anche la situazione in Sicilia. A impensierire i siciliani sono principalmente i danni conseguenti all’intrusione (62%) e i furti (59%). Seguono gli incidenti domestici (57%) e la paura che questi possano causare danni a beni o case di altre persone (52%). Spicca, perché leggermente superiore alla media, anche la preoccupazione di perdere i propri ricordi (50%; +4% rispetto alla media nazionale).

PRATICHE DI ECONOMIA DOMESTICA PRE-PARTENZA IN SICIILIA
Chiudere il rubinetto generale del gas (80%), quello dell’acqua (80%;) sono le pratiche più diffuse tra i siciliani prima della partenza. 1 su 2 stacca tutte le forniture e le prese degli elettrodomestici e quasi il 40% stacca completamente l’energia elettrica prima di partire, dato di quasi 10 punti percentuali superiore alla media nazionale. I siciliani si confermano particolarmente attenti anche per quanto riguarda lo svuotare freezer e frigorifero (59%) e quasi 1 siciliano su 3 addirittura “lascia la casa come un gioiello”.

SISTEMI DI PREVENZIONE ED ESPERIENZE
Anche in Sicilia, come nel resto d’Italia, per la prevenzione si punta molto sul “fai da te”. Il 40% lascia le chiavi a persone fidate perché passino a controllare, 1 su 4 addirittura chiede ad amici o parenti di passare sistematicamente ad accendere la luce e aprire le persiane, così che non ci si accorga che non c’è nessuno a casa. Il 12% fa affidamento sul portiere del palazzo. Il 48% segnala di fare ricorso a sistemi di allarme, mentre solo 2 su 10 circa fanno ricorso all’assicurazione come strumento di tutela. In particolare, il 15% conta su una copertura sulla casa “tradizionale”, mentre una percentuale minima dichiara di aver scelto una soluzione assicurativa dotata di sensori anti-intrusione e per la rilevazione di fumo/allagamenti (4%). La percentuale di chi ha dichiarato di non avere mai avuto problemi legati alla casa è tra le più alte in Italia (65%; +9%). I siciliani che hanno dichiarato di averne avuti – indipendentemente dalle vacanze – sono il 33%, principalmente a causa di danni derivanti da incidenti domestici (15%) o a seguito di furti (13%).

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato