AL VIA PANORAMA D’ITALIA
RAGUSA ULTIMA TAPPA

Prende il via il 5 aprile la quarta edizione di Panorama d’Italia, la live&media experience di Panorama, che quest'anno vede Ragusa come ultima tappa del tour

Prende il via il 5 aprile la quarta edizione di Panorama d’Italia, la live&media experience di Panorama, che racconta l’Italia direttamente dalle sue piazze con iniziative ed eventi aperti a tutti. Dopo l’edizione del 2016 che ha battuto tutti i record, il newsmagazine del Gruppo Mondadori, diretto da Giorgio Mulè, torna dunque a celebrare i protagonisti dell’Italia migliore nel mondo dell’impresa, dell’economia, della cultura, della scienza e dell’enogastronomia in 10 nuove tappe che coinvolgono 13 città italiane da aprile a novembre, con un format premiato da un successo travolgente e tante novità.

Ragusa sarà l’ultima tappa del tour, dal 22 al 25 novembre. “Ragusa riunisce in sé tutte le caratteristiche più importanti e particolari della Sicilia – afferma il sindaco di Ragusa Federico Picciotto -. Le eccezionali bellezze culturali, artistiche ed architettoniche, unite all’innovazione, alla modernità ed allo sviluppo che hanno accompagnato da sempre la vitalità e l’entusiasmo di questa terra. Un vero e proprio incubatore d’idee culturale, che si muove all’interno di un tessuto sociale caratterizzato dalla generosità e dall’accoglienza, in quell’integrazione multiculturale che è ben testimoniata dalla storia della nostra comunità, in senso materiale e spirituale. Una realtà che da periferica si pone, da sempre, come un modello d’eccellenza per il Sud d’Italia. E che sarà un piacere, ed un onore, mostrare a tutti”. 

Una vera e propria consacrazione per una formula ormai rodata tra talk show, dibattiti con i protagonisti della politica nazionale, convegni, spettacoli: in tre anni sono state 13 milioni le persone raggiunte dal tour. Il pubblico intervenuto direttamente agli appuntamenti nelle 30 città è stato di 320 mila persone, con 1.123 tra ospiti e relatori (tra cui anche 17 Ministri, 15 Presidenti di Regione e 26 Sindaci), 1.210 i media mobilitati per 636 eventi aperti al pubblico, 511 imprenditori nelle tavole rotonde con il coinvolgimento di oltre 1.800 aziende (tra cui anche 500 start-up innovative) e infine 37 università e 121 sponsor complessivi.

«Come ogni creatura, in questo caso editoriale, anche Panorama d’Italia ha un suo percorso di crescita», ha dichiarato il direttore di Panorama Giorgio Mulè. «Dopo aver reso “permanente” la settimana dedicata a Milano, quest’anno, oltre alle 10 tappe italiane, abbiamo deciso di fare il grande salto: l’America. E’ motivo d’orgoglio quindi lanciare This is Italy – Parts Unknown, gemello di Panorama d’Italia che esporteremo a New York in autunno. Lo abbiamo fatto nel solco tracciato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: nell’ottobre del 2016, il Capo dello Stato aveva spronato Panorama d’Italia a “valorizzare le eccellenze di cui l’Italia è ricca, far crescere le conoscenze e la fiducia nel futuro”. E’ quello che continueremo a fare in questa edizione, ancora più ricca, di Panorama d’Italia ed è quello che faremo a New York con This is Italy – Parts Unknown», ha concluso Mulè.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato