LA MAGNA VIA FRANCIGENA:
LA SICILIA HA IL SUO CAMMINO DI SANTIAGO

Un percorso di 160 chilometri, lungo l'asse Agrigento-Palermo, che permetterà a turisti e viandanti di scoprire una Sicilia rimasta fino a oggi poco nota, in un modo alternativo

Anche la Sicilia ha il suo “Cammino di Santiago”: si chiama Magna via Francigena, si trova lungo l’asse Agrigento-Palermo ed è stato attraversato da pellegrini e viaggiatori in età bizantina, islamica e alto medievale. Un percorso di 160 chilometri, che adesso sarà promosso e recuperato: così, turisti e viandanti potranno scoprire una Sicilia rimasta fino a oggi meno nota, in modo alternativo. Il primo cammino della Magna Via Francigena si terrà a giugno, ma sarà anticipato da alcune “anteprime”. L’itinerario si può dividere in otto tappe da 20-25 chilometri ognuna, in modo da permettere di seguirlo anche a chi non se la sente di percorrere l’intero tracciato.

Il progetto è promosso dal Comune di Castronovo di Sicilia e dal partenariato diffuso di tredici Comuni, oltre che dalla diocesi di Agrigento, con il supporto dell’associazione Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia. Chiunque può provare, dai turisti agli sportivi, dagli etnologi agli studiosi, fino ad arrivare a tutti coloro che hanno voglia di viaggiare a piedi. Il percorso raggiunge alcuni piccoli centro dove fino a poco tempo fa era difficile arrivasse qualcuno camminando. Si tratta di un modo per riscoprire la storia della Sicilia e le diverse influenze culturali che ha subito.

Le province attraversate sono tre: Agrigento, Caltanissetta e Palermo. In mezzo, ci sono tanti punti di interesse e diversi siti archeologici e paesaggi suggestivi. La rete della Magna Via Francigena permette di scegliere tra l’accoglienza pellegrina, organizzata da parrocchie o associazioni che mettono a disposizione i propri spazi con una offerta libera, il pernottamento in case dei “piedi albergo”, dove i privati aprono le porte delle loro abitazioni con un prezzo calmierata, gli ostelli della gioventù o i classici bed and breakfast, agriturismi e hotel.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato