fbpx

MONTALBANO ELICONA BATTE TUTTI
È LA CITTADINA TURISTICA PIÙ BELLA D’ITALIA

Quasi quattro milioni di persone hanno votato tra oltre duecento città ad elevata vocazione turistica e Montalbano Elicona ha vinto sulla concorrenza

Montalbano Elicona non si accontenta del titolo di Borgo dei Borghi, conquistato nel 2015, ma ottiene anche di più. Da ieri, infatti, la località in provincia di Messina può fregiarsi anche del titolo di “Cittadina turistica più bella d’Italia”, un riconoscimento attribuito dal concorso on line promosso su Facebook dal titolo “Italia da scoprire”. Quasi quattro milioni di persone hanno votato tra oltre duecento città ad elevata vocazione turistica e Montalbano Elicona ha vinto sulla concorrenza.

Al secondo posto, Giovinazzo, che si trova in Puglia, mentre al terzo si è piazzata Taormina. La votazione online è partita il primo ottobre e ogni settimana tantissimi sostenitori hanno espresso la loro preferenza. Fra le pretendenti c’erano anche altre siciliane: Acireale, Caltagirone, Cefalù, Erice, Marzamemi, Modica, Ragusa, Scicli.

A proposito di Montalbano Elicona…

Montalbano Elicona è un comune italiano di 2.485 abitanti della Città metropolitana di Messina in Sicilia. La cittadina fa parte del circuito dei borghi più belli d’Italia ed è stata proclamata Borgo dei borghi 2015. È caratterizzata dalla presenza, nella parte antica dell’abitato, di un antico castello che fu residenza estiva di re Federico II di Aragona.

Gli studiosi non sono concordi sulle origini del paese e del suo nome. Alcuni fanno risalire tale origine alle parole latine mons albus (“monte bianco”), con riferimento ai monti innevati o all’antico nome del monte su cui fu realizzato un castello per volere di Federico II d’Aragona; altri al nome arabo al bana, dal suggestivo significato di “luogo eccellente”. L’appellativo Elicona risale senz’altro alla colonizzazione greca. Durante questo periodo (VII-VIII secolo a.C.), i Dori, pensando al mitico monte delle Muse, chiamarono Helikon un sito, coincidente con l’altura su cui sorge il borgo medievale ed un torrente vicino il cui andamento tortuoso giustifica l’appellativo.

Le prime testimonianze sull’esistenza del borgo risalgono all’XI secolo, quando risultava possesso demaniale. Nel 1232 si rivoltò contro Federico II di Svevia, parteggiando per il papa insieme ad altri centri. Successivamente appartenne a diversi feudatari: a Matteo Palizzi nel 1350, a Vinciguerra d’Aragona nel 1359, ai Lancia nel 1396, ai Romano Colonna, ai Bonanno nel 1587.

Foto di Erm67 – English wikipedia – Photo taken by Erm67 at Montalbano Elicona – released under the GDFL licence, GFDL, Collegamento

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato