Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Guarda la gallery
9 foto
Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

Nuova vita per il Faro di Capo Santa Croce: sarà un luxury hotel

La struttura è stata costruita nel 1859 su un promontorio roccioso di calcare bianco che si allunga sul mar Ionio per circa 200 metri

Il Faro di Capo Santa Croce di Augusta (Siracusa), diventerà un hotel di lusso. La struttura, costruita nel 1859 su un promontorio roccioso di calcare bianco che si allunga sul mar Ionio per circa 200 metri, era stata inserita nel progetto Valore Paese-Fari, destinato al recupero al riuso di nove fari, torri ed edifici costieri di proprietà dello Stato.

Tutte strutture di pregio storico e paesaggistico situate da Nord a Sud lungo tutta l’Italia, di cui quattro siciliane (faro di Capo Santa Croce ad Augusta, faro di Punta Marsala sull’isola di Favignana, faro di Capo d’Orlando, faro Punta Omo Morto a Ustica, faro di Riposto).

«La Sicilia è la regina di questo progetto destinato al recupero e al riuso di edifici costieri di proprietà dello Stato», hanno spiegato dall’Agenzia del Demanio. Il criterio di valutazione delle proposte è stato quello «dell’offerta economicamente più vantaggiosa, con l’attribuzione di un punteggio pari al 70 per cento per gli elementi tecnico-progettuali e al 30 per cento per gli aspetti economici».

Ad aggiudicarsi il bando per la gestione del Faro di Capo Santa Croce sono state le società Isme srl ed Effebi srl, in raggruppamento temporaneo d’impresa. «Siamo molto soddisfatti per il risultato raggiunto – ha dichiarato Daniela Natoli responsabile amministrativo della isme srl – il nostro obiettivo è creare un Luxury hotel nella struttura e, insieme a delle Onlus del territorio, sfruttarla per attività e sport acquatici».

A proposito del Faro di Capo Santa Croce

Questo faro fu edificato nel 1856 dai Borboni, con la funzione di punto di rifornimento e segnalazione marittima. La struttura, alta trentasei metri, è di pietra calcarea bianca e all’interno della torre è stata creata una scala a chiocciola per il raggiungimento della lanterna. Nel 1860 venne abbandonato e la ristrutturazione venne fatta nel 1932. Nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, fu presidio come punto di osservazione costiero. Al termine della guerra riprese la sua funzione originaria. L’ultimo guardiano del faro ha svolto la sua mansione fino al 1979.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato