fbpx

Sembra falso, non lo è: Diesel lancia il brand “tarocco” Deisel

deisel

Diesel, in occasione della Fashion Week di New York, ha deciso ad esempio di aprire un negozio dall'aspetto fasullo chiamato DEISEL

Quasi non fa in tempo a uscire un capo d’abbigliamento, che subito arriva la sua copia contraffatta. Un mercato molto florido, quello dei falsi, che non riguarda solamente oggetti di un certo costo. Si può dire che, soprattutto negli ultimi anni, sia diventata per alcuni una filosofia di vita, il rifiuto del lusso per abbracciare la contraffazioni. Naomi Klein, nel suo libro “No Logo“, uscito nel 1999, ha scritto: “Ci si sente lieti di vedere le icone del potere aziendale sovvertite e derise”.

Le icone, però, non sono rimaste a guardare: i grandi brand si sono ingegnati, in tal senso, dando una risposta a tono. I marchi del settore fashion e design hanno reinterpretato la tendenza che ha voluto mortificare gli status-symbol, trasformandola in ironia. Diesel, in occasione della Fashion Week di New York, ha deciso ad esempio di aprire un negozio dall’aspetto fasullo chiamato DEISEL. Si trova in Canal Street, quartier generale della Grande Mela della moda contraffatta.

DEISEL o Diesel? L’esperimento che funziona

Gli acquirenti, ignari, hanno dunque comprato dei capi che sembravano contraffatti, ma che erano in realtà pezzi unici, fidati dai designer del brand. Sovvertendo le regole, quei capi erano oggetti da collezione. Il negozio non è stato pubblicizzato, quindi non è stato preso d’assalto dagli influencer e dai fashion victim. L’esperimento di Diesel è stato ripreso in un video. Nei giorni seguenti all’uscita della notizia, è stato possibile aggiudicarsi alcuni dei capi. Il 13 febbraio, poi, è uscita una (super) limite edition in vendita online, su Diesel.com.

L’idea del brand di Renzo Rosso ha dimostrato quella che è oggi l’interpretazione del concetto di brand e, volendo, in generale del concetto di moda. Un modo per mettere al centro, di nuovo, il proprio stile, lontano dai diktat e dai look visti da qualche parte che ci si limita a copiare.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato