fbpx

«Quello che non ho», Neri Marcoré porta Faber al Biondo

Quello che non ho Neri Marcorè

Dopo «Eretici e Corsari», Giorgio Gallione torna a dirigere Neri Marcorè: anche questa volta gli spunti di riflessione vengono da Pasolini

Palermo è una città in fermento: lo status di Capitale italiana della Cultura 2018 fa sì che ci sia un calendario fitto di eventi, tra mostre, spettacoli e novità di ogni genere. Sarebbe un peccato, in questo ricco panorama culturale, perdere «Quello che non ho» al Teatro Biondo. Rimangono pochi giorni, fino al 18 marzo, per assistere a questo spettacolo che vede come protagonista Neri Marcorè.

Quello che non ho: De André incontra Pasolini

Uno spettacolo che porta sul palcoscenico del Teatro Biondo di Palermo le canzoni di Fabrizio De André, incrociando le visioni “lucide e beffarde” di Pier Paolo Pasolini, con le sue profezie apocalittiche e visionarie (contenute nel poema filmico La rabbia), che raccontano di una “nuova orrenda preistoria” che sta minando la società contemporanea.

Il Teatro Canzone arriva al Teatro Biondo

Usando la forma del teatro canzone, «Quello che non ho» cerca di comprendere la nostra epoca, in precario equilibrio tra ansia del presente e speranza nel futuro. L’affresco sul presente che viene fuori è costituito da un tessuto narrativo fatto di storie emblematiche, quasi parabole del presente, che raccontano (anche in forma satirica) nuove utopie, inciampi grotteschi e civile indignazione. Storie di sfruttamento dell’uomo e dell’ambiente, di esclusione, di ribellione, di guerra, di illegalità, rilette con un filtro grottesco e ghignante.

Il connubio vincente Marcorè – Gallione

Neri Marcorè torna a essere diretto da Giorgio Gallione, che ha curato anche la drammaturgia dello spettacolo. Il filo che li unisce è di nuovo Pasolini, già “protagonista”  e punto di riferimento dello spettacolo «Eretici e Corsari», portato in scena – tra gli altri – al Piccolo di Milano insieme al palermitano Claudio Gioè. Lì la controparte musicale era Giorgio Gaber, con la sua tagliente capacità di osservare il presente prima di tutti gli altri.

La produzione dello spettacolo è dell’Archivolto di Genova. In scena, insieme a Neri Marcorè, le voci e le chitarre di Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini.

«Quello che non ho» sarà in scena fino al 18 marzo: un appuntamento da non perdere.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato