Bandiere Blu, le spiagge al top della Sicilia: ecco dov’è il mare più bello

I criteri utilizzati per l'assegnazione delle Bandiere Blu sono in tutto 32 e non riguardano soltanto la qualità del mare

Assegnate anche quest’anno le Bandiere Blu, riconoscimento al miglior mare del nostro Paese, ma per la Sicilia non ci sono solo buone notizie. L’isola, infatti, perde una delle sue bandiere, perché Pozzallo non figura più nell’elenco delle spiagge migliori d’Italia. Ecco dunque sei le spiagge siciliane che hanno guadagnato il titolo: il lungomare di Santa Teresa di Riva, Tusa (spiaggia Lampare e Marina) e Lipari (Stromboli: Ficogrande; Lipari: Acquacalda e Canneto; Vulcano: Acque Termali e Gelso) in provincia di Messina; Ispica (Santa Maria del Focallo, Ciriga primo, secondo e terzo tratto) e Marina di Ragusa nella provincia iblea; Menfi (Porto Palo Cipollazzo e Lido Fiori Bertolin) nell’Agrigentino.

Chiudono l’elenco due spiagge ragusane (premiate anche lo scorso anno): Marina di Ragusa e Ispica (Ciriga I°tratto, Ciriga II° tratto, Ciriga III° tratto, Santa Maria del Focallo).

I criteri utilizzati per l’assegnazione delle Bandiere Blu sono in tutto 32 e non riguardano soltanto la qualità del mare: si spazia, infatti, fino alla gestione del territorio, gli impianti di depurazione, la gestione dei rifiuti, la vivibilità in estate e la valorizzazione delle aree naturalistiche. In Italia, in totale, le spiagge premiate sono 368 e cioè il 10% di quelle premiate a livello mondiale. Sono complessivamente 175 le località di riviera (163 l’anno scorso) dove sventola la bandiera Fee (16 i nuovi ingressi e 4 le uscite) con la Liguria in vetta, seguita dalla Toscana e dalla Campania che ha dunque superato le Marche scesa in quarta posizione.

“Anche per il 2018, annunciamo con soddisfazione, un aumento di Comuni Bandiera Blu, ben 175 – ha detto Claudio Mazza presidente della FEE Italia – il turismo non può che essere sostenibile, in modo da garantire un equilibrio tra fruizione e tutela del patrimonio ambientale. Bandiera Blu guida passo dopo passo i comuni costieri, a scegliere strategie di gestione sostenibile del proprio territorio, attraverso un percorso che giovi all`ambiente ed alla qualità della vita”.

“Anche quest’anno è stato rilevato un incremento nel numero di assegnazioni, un dato indicativo del’impegno di molti Comuni e dell’importanza delle tematiche ambientali nel turismo”, ha detto il presidente dell’ISPRA Stefano Laporta: “Gli esperti ISPRA hanno operato sia nella fase di individuazione dei requisiti da valutare che nei lavori della giuria, ogni anno infatti i requisiti per ottenere la Bandiera Blu vengono rivisti con l`obiettivo di stimolare i Comuni ad impegnarsi nell’ottica del miglioramento continuo”.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato