Tappa a Lipari per il Christina O., lussuoso yacht che fu di Aristotele Onassis

Oltre a Maria Callas e Jackie Onassis, a bordo del Christina O. vennero ospitate varie celebrità come Marilyn Monroe e Frank Sinatra

Avvistato anche nella rada di Lipari, al largo di Marina Corta, il “Christina O.“, mega yacht da 100 metri che fu di Aristotele Onassis. Dopo aver fatto tappa al porto di Reggio Calabria, la lussuosa imbarcazione, dunque, si è diretta in Sicilia. A bordo dell’imbarcazione, acquistata per 32 milioni di dollari e utilizzata come nave da crociera, ci sono ancora molte foto e numerosi oggetti d’epoca, a testimonianza della sua storia.

Realizzato nel 1943 come fregata della classe River, in Canada, è stato in seguito trasformato in un vero e proprio “albergo galleggiante” al servizio dell’armatore greco. Aristotele Onassis lo lasciò al Governo del suo Palese, che tuttavia l’abbandonò. Il Christina O. vide di nuovo lo splendore nel 1999, quando venne acquistato da John Paul Papanicolaou, cui si deve il restauro e anche il nome che porta (datogli in onore della figlia di Onassis). Il mega yacht viene affittato settimanalmente per una cifra che si aggira intorno ai 65mila euro.

Nel suo momento di gloria aveva bagni con rubinetti d’oro e maniglie d’avorio, un caminetto extralarge tempestato di pietre preziose e lavandini in lapislazzuli. Il bagno dell’armatore era in marmo, con una vasca ispirata a quella di Minosse.

A proposito del Christina O.

Oltre a Maria Callas e Jackie Onassis, rispettivamente compagna e moglie di Aristotele Onassis, a bordo vennero ospitate varie celebrità come Marilyn Monroe e Frank Sinatra; Liz Taylor e Richard Burton amavano rilassarsi davanti al camino del salone Lapis. Nel 1957, nell’Ari’s Bar si svolse il primo incontro tra l’ex primo ministro britannico Winston Churchill e il futuro Presidente degli Stati Uniti John Kennedy.

Paragonato a un moderno superyacht del XXI secolo, ha cabine piccole e non vi è la possibilità di ricoverare imbarcazioni all’interno (dettaglio divenuto standard nei moderni yacht). Per il resto, comunque, il numero di aree comuni è ampio e il numero di ponti esterni è estremamente generoso.

FOTO DI REPERTORIO

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato