Manifesta 12 è anche street food: Ke Palle presenta tre arancine speciali

Manifesta 12, la biennale itinerante d'arte contemporanea, abbraccia anche la creatività in fatto di street food

La biennale d’arte contemporanea Manifesta 12, in corso a Palermo fino al prossimo mese di novembre, incontra il mondo dello street food. L’occasione è “L’Arancina si Manifesta“, evento organizzato dal marchio di arancine palermitano Ke Palle: martedì 26 giugno, a partire dalle ore 20, presso il punto vendita Ke Palle di via Maqueda 270 verranno proposti tre nuovi gusti di arancina, disponibili per tutta la durata di Manifesta: “Manifesta”, “Capitale” e “Umanità”. Ognuna delle arancine verrà presentata nel corso della serata alla quale parteciperà anche il sindaco Leoluca Orlando.

«Cultura è anche cultura del e per il cibo – ha detto Danilo Li Muli, direttore creativo del brand “Ke Palle” – e l’arancina più di ogni altro cibo definisce il trait d’union di molte culture, non solo a livello gastronomico, ma socialmente integrando sapori e tradizioni, anche lontane (si pensi all’Arancina pollo e curry), che nella nuova forma si fanno bandiere ed espressione della cultura palermitana. Non è un caso che da alcuni anni Palermo viva una straordinaria impennata di internazionalizzazione che culmina, oggi, con Palermo Capitale della Cultura e con Manifesta, doppio binario culturale che sta trainando l’attrattiva turistica e commerciale in città.

Per questo, abbiamo deciso di produrre tre nuovi gusti di arancina per celebrare Manifesta, Palermo e la nostra cultura fatta di idee, persone e momenti di attrazione. L’arancina nel mondo è sinonimo di Palermo e l’arancina a Palermo è uno dei biglietti dei suoi biglietti da visita e noi, ogni giorno, siamo ben felici di accogliere i turisti nei nostri punti vendita, felici, anche loro, di gustare le nostre arancine dai mille gusti e dai mille sapori».

«Migrazione implica contaminazione, un incontro/scontro tra culture che trova un terreno fertile in ogni campo, compreso quello della cucina. Ke Palle si riconosce ancora una volta e sempre di più come parte della città – aggiunge la cofondatrice del marchio Ke Palle, Maria Mercadante – Palermo è una città di accoglienza, dove diverso significa stimolo e confronto, condivisione e conoscenza continua: anche l’arancina è il frutto della presenza di una cultura “esterna” che ha messo profondissime radici in Sicilia, e ogni sua trasformazione è il risultato dei cambiamenti della cucina».

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato