Guida Blu 2018: ecco qual’è il mare più bello della Sicilia

Non solo acque turchesi, sabbia fine o suggestivi scogli, ma anche scelte sostenibili in tema di mobilità e rifiuti, tutela delle coste e della biodiversità

Anche quest’anno Legambiente e Touring Club Italiano hanno scelto le località balneari migliori del Paese, raccolte dal volume “Il mare più bello d’Italia“. Non solo acque turchesi, sabbia fine o suggestivi scogli, ma anche scelte sostenibili in tema di mobilità e rifiuti, tutela delle coste e della biodiversità, prodotti tipici e possibilità per vacanze a contatto con la natura. Quattro le località siciliane che si sono distinte, ottenendo il riconoscimento più elevato: Ustica, Salina, San Vito Lo Capo e Pantelleria.

Sul podio della Guida Blu c’è la Sardegna, che si conferma regina dell’estate con ben cinque comprensori da “cinque vele“, cioè il massimo riconoscimento. Alla base delle scelte non c’è soltanto la qualità delle acque balneabili, ma anche l’attenzione all’ambiente. A Posada si va in spiaggia con mezzi elettri, mentre a Castiglione della Pescaia gli stabilimenti balneari hanno stoviglie biodegradabili. Un premio speciale, poi, è andato al sindaco delle Isole Tremiti, Antonio Fentini, che ha messo al bando le stoviglie di plastica. «Se tutte le amministrazioni, costiere e dell’entroterra, adottassero l’ordinanza delle Tremiti, faremmo un grande passo in avanti nella lotta ai rifiuti in mare», ha detto il presidente di Legambiente Stefano Ciafani.

Ecco le spiagge di mare più belle d’Italia secondo la Guida Blu 2018

  1. Baronia di Posada e Parco di Tepilora (Nuoro) sulla costa orientale della Sardegna, con Posada come miglior Comune, seguito da Siniscola
  2. Litorale di Chia (Cagliari) a Sud della Sardegna, interessa l’area del Comune di Domus de Maria
  3. Maremma Toscana con Castiglione della Pescaia come miglior comune, seguito da Scarlino, Marina di Grosseto e Follonica in provincia di Grosseto
  4. Cinque Terre guidate da Vernazza, Riomaggiore e Monterosso al Mare, in Liguria
  5. Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari guidata da Polignano a Mare, seguito da Ostuni, Monopoli, Fasano e Carovigno nelle provincie di Bari e Brindisi, in Puglia
  6. Cilento Antico, in Campania, in provincia di Salerno, con Pollica-Acciaroli e Pioppi, Castellabate, San Mauro Cilento e Montecorice
  7. Costa d’Argento e Isola del Giglio, con l’isola in cima, poi Capalbio, Magliano in Toscana, Orbetello e Monte Argentario tutti in provincia di Grosseto
  8. Litorale di Baunei sulla costa orientale della Sardegna
  9. Isola di Ustica in Sicilia
  10. Litorale Nord Trapanese un comprensorio nella Sicilia orientale con al vertice il comune di San Vito Lo Capo, seguito da Custonaci e Erice
  11. Planargia ovvero il litorale del comune di Bosa, in Sardegna
  12. Alto Salento Adriatico con i Comuni di Melendugno e Otranto, in provincia di Lecce
  13. Costa di Maratea, in provincia di Potenza in Basilicata
  14. Isola di Salina, nell’arcipelago delle Eolie, in Sicilia
  15. Costa della Gallura, in provincia di Olbia-Tempio, con in testa Santa Teresa di Gallura, poi Palau e Arzachena
  16. Costa del Mito, in Campania, in provincia di Salerno, con Camerota in testa, seguito da Centola-Palinuro e Pisciotta
  17. Isola di Pantelleria, in Sicilia
Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato