Torna Stragusto: Trapani diventa capitale dello street food

Sapori, odori, voci e colori tipici dei mercati animeranno, nel corso della decima edizione, uno degli eventi gastronomici più apprezzati

È tutto pronto per la nuova edizione di Stragusto, il festival del cibo di strada del Mediterraneo che torna a Trapani, dal 25 al 29 luglio, nella piazza dell’antico Mercato del Pesce. Sapori, odori, voci e colori tipici dei mercati animeranno, nel corso della decima edizione, uno degli eventi gastronomici più apprezzati. La manifestazione ospita tanti produttori di street food, provenienti da diverse regioni d’Italia e da tutto il mondo. I partecipanti avranno l’opportunità di sperimentare un percorso ideale in cui gusto, cultura e tradizioni si intrecciano.

Stragusto 2018, i dettagli

Tra le novità di quest’anno, l’area Wine Tasting, con i migliori vini del territorio: la location è quella della splendida terrazza delle mura di Tramontana, imperdibile al tramonto. Lo street food sarà in degustazione nelle giornate dal 25 al 29 luglio, dalle 18,30 alle 24, nella piazza Mercato del pesce.

Ecco tutte le specialità disponibili:

  • Sapori trapanesi – A cura dello chef Mario Bianco
  • Sapori rumeni – Mici rumeni, Turte Taranesti condite, Placinta a cura di Chic Menu Bucarest
  • Sapori ragusani – La Scaccia a cura di Rostsicily di Piercarmelo Albani
  • Omega ”Sood” – a cura di Sood, Sicilian Bistrot
  • Sapori pugliesi – le Bombette a cura di Brace Mobile
  • Sapori catanesi – le Crispelle a cura di Orazio Cordai
  • Sapori palermitani – Meusa, Panelle e Sfincioni a cura dell’Associazione “Terra del Sole”
  • Sapori fiorentini – Il lampredotto di Luca Cai
  • Sapori tunisini – a cura di Brahim Trabelsi
  • I panini di “Assud – Cibo da Strada” , specialità con tonno e altri prodotti del territorio
  • Sapori delle feste – Associazione culturale ricreativa Profumi di Sicilia, Calatafimi
  • Delizie trapanesi – Timbalette, Sarde a beccafico e le Sfinci a cura di Tonino Bellezza
  • U’ purpu – Trattoria Poseidone
  • Torronificio delle Madonie – Torroni e dolci tipici siciliani
  • Il melone giallo – Azienda Agricola Spezia, Paceco
  • La Granita Tradizionale – fatta a mano con tecnica madonita a cura di Luigi Romana
  • Sapori dal Madagascar – Mofo Gasy e Godro-Godro a cura dell’Associazione Trapani per il Terzo Mondo

Le pietanze, preparate dal vivo dai partecipanti, hanno un costo che varia da 1 a un massimo di 7 euro. Con i gettoni alla mano, basta recarsi nei vari stand. I gettoni, in tagli da uno o due euro (l’acquisto minimo è di cinque euro), si acquistano in loco, durante lo svolgimento della manifestazione, o anche in prevendita (clicca qui per sapere dove acquistarli)

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato