Donna Sicilia, una guida per scoprire l’isola a bordo di vetture eco-friendly

Si tratta, in totale, di 19 itinerari, suggeriti in un volume che contiene indicazioni pratiche sui luoghi da visitare e si propone come un vademecum dedicato alla bellezza della Sicilia

“Dammi 7 giorni delle tue vacanze, io Sicilia, ti regalerò 3mila anni della mia storia”: è questo il motto di Donna Sicilia, il progetto ideato da Sicily By Car, big tra le compagnie di autonoleggio siciliane, per promuovere eco tour sull’isola, a bordo di auto 100% green tra antichi bagli, castelli, masserie di charme e antiche dimore nobiliari dai fasti gattopardeschi.

Si tratta, in totale, di 19 itinerari, suggeriti in un volume che contiene indicazioni pratiche sui luoghi da visitare e si propone come un vademecum dedicato alla bellezza della Sicilia, da esplorare all’insegna dell’eco-mobilità, con itinerari personalizzati.

Donna Sicilia, la guida per un tour eco-friendly

Il turismo che strizza l’occhio alle tematiche green e rispettose dell’ambiente è sempre più in voga e affascina tanti viaggiatori. Grazie all’iniziativa dell’imprenditore Tommaso Dragotto, patron di Sicily By Car, tanti luoghi aprono le porte e mettono a disposizione i veicoli degli ospiti, che potranno ricaricarli nelle apposite colonne di ricarica elettrica volute e posizionate da Sicily By Car in ciascuna delle strutture ricettive.

“Credo sia importante trasmettere un segnale chiaro e incisivo sul potenziale siciliano e sulla sua capacità di fare sistema attraverso il patrimonio storico, artistico e naturale in favore di una riqualificazione ecologica, turistica e urbanistica – ha detto il patron della compagnia Tommaso Dragotto – Donna Sicilia mira a coniugare il nuovo trend del turismo ecologico e della mobilità sostenibile promuovendo un’esperienza dal sapore aristocratico e gattopardesco. Grazie al posizionamento delle colonne di ricarica elettrica nelle dimore storiche, il visitatore potrà realizzare il tour dell’intera regione a impatto zero, nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale”. “Essere i primi a realizzare un progetto simile – ha concluso – in favore della tutela ambientale della Sicilia, mi rende particolarmente orgoglioso: un atto a favore della mia isola che compensa il grande impegno di risorse profuse”.

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato