Letizia Battaglia premiata dalla fondazione tedesca Khythera

Letizia Battaglia

Letizia Battaglia ha ricevuto il premio Khythera, assegnato dall’omonima fondazione di Düsseldorf che ogni anno premia gli artisti che si sono distinti nello scambio culturale tra la Germania e i paesi latini. In passato, il riconoscimento è andato anche a Claudio Abbado e Renzo Piano.

La fondazione ha deciso di assegnare il premio a Letizia Battaglia per l’importanza dei suoi scatti come documenti del periodo 1974-1990 in Italia.

Alla fotografa è stata riconosciuta la capacità di documentare gli effetti dell’azione della mafia sulla società siciliana. Quello della Battaglia è un racconto costante delle contraddizioni di Palermo, ma anche delle energie femminili, che vengono viste come strumento di riscatto collettivo.

La cerimonia di premiazione si è tenuta lunedì 21 ottobre ai Cantieri Culturali alla Zisa, dove ha sede il Centro Internazionale di Fotografia (che Letizia Battaglia dirige).

La fondazione ha scelto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, per il discorso di lode della premiazione: «A volte le fotografie diventano simboli e superano i limiti e i confini delle lingue, degli stati, delle identità e delle patrie – ha detto il primo cittadino -. È il caso di alcuni scatti di Letizia, che hanno travalicato i confini gridando al mondo la sofferenza e le vergogne, gli orrori e le miserie, in una parola la umanità mortificata di Palermo. Letizia Battaglia ha raccontato così Palermo al mondo, ha contribuito ad aprire gli occhi, le orecchie e la bocca di quanti “complici” a Palermo si giravano dall’altra parte, di quanti non soltanto a Palermo distoglievano lo sguardo, di quanti preferivano sopire il grido del proprio sdegno e della loro indignazione civile».

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato