fbpx

La Cineteca Milano offre lo streaming gratuito di film classici e rarità

La Cineteca Milano ha messo a disposizione gratuitamente il proprio archivio, con una vasta selezione di film da vedere in streaming, alcuni dei quali di grande valore storico.

Attualmente il catalogo propone oltre 500 titoli e, ogni settimana, vengono caricati oltre 20 film, documentari, spezzoni e materiali d’archivio. Si possono vedere filmati esclusivi, restauri e digitalizzazioni svolte dal MIC Lab di Cineteca Milano. Per informazioni, potete cliccare qui.

Ecco alcuni titoli consigliati dal direttore della Cineteca dMilano, Matteo Pavesi

  • SI GIRA “EUROPA 51” (Settimana Incom, 1952)
    Servizio della Settimana Incom dedicato alle riprese del film Europa ’51 di Roberto Rossellini.
  • FERRAGOSTO A VARAZZE (Anonimo, 1928)
    Cronaca di un assolato e festoso Ferragosto sulle rive liguri di Varazze.
  • EMIGRANTI (Franco Piavoli, 1963)
    Gli emigranti del Meridione, arrivati alla stazione di Milano carichi di valige, corrono a prendere le coincidenze per la Germania e la Svizzera. Alcuni, sperduti e stanchi, si abbandonano nella sala d’aspetto in attesa di altre partenze.
  • LA VITA IN CINA (1904 circa) colorato. Restauro.
    Riprese documentarie colorate a mano della vita quotidiana nella Cina di inizio Novecento.
  • L’INCENDIO DI BALTIMORA (1904) colorato. Restauro.
    Immagini documentarie del terribile incendio che devastò il centro di Baltimora il 7 febbraio 1904.
  • COLPA DEL SOLE (Alberto Moravia, 1951)
    Il breve film, unica esperienza cinematografica di Alberto Moravia, mostra alcuni temi tipici dello scrittore: l’ambientazione borghese, il gusto del dettaglio, l’eros e la violenza che scalfiscono l’indifferenza.
  • GLI ITALIANI SI VOLTANO (Alberto Lattuada, 1953).
    L’episodio diretto da Alberto Lattuada, facente parte del film collettivo “L’amore in città”, è una sorta di candid camera nelle vie di Roma che riprende le reazioni degli uomini al passaggio di belle ragazze.
  • AMOR PEDESTRE (Marcel Fabre, 1914)
    Simpatica e sperimentale storia d’amore raccontata attraverso le inquadrature di piedi di uomini e donne, alle prese con rituali di corteggiamento.
  • BAMBINI IN CITTÀ (Luigi Comencini, 1946)
    Estratto dall’importante cortometraggio di Luigi Comencini che mostra una Milano dell’immediato dopoguerra. La città è devastata dai bombardamenti, ma questo non ostacola i bambini che, trasformando con l’immaginazione i luoghi devastati in un campo da gioco, comunicano la loro gioia di vivere e la loro capacità di adattamento.
  • ANNA BOLENA (Ernst Lubitsch, 1920) Restauro.
    Per sposare la timida damigella di corte Anna Bolena, Enrico VIII divorzia dalla moglie Caterina d’Aragona, autoproclamandosi capo della Chiesa inglese. Ma quando Anna non gli dà il sospirato erede maschio, lascia che essa sia decapitata per un inesistente adulterio e si sposa con Jane Seymour.
  • DELITTO E CASTIGO (Robert Wiene, 1923)
    Dal celebre romanzo di Fédor Dostoevskij, un capolavoro del cinema espressionista dedicato al dramma di Raskolnikov, studente espulso dall’università che, per dimostrare il proprio valore decide di uccidere una vecchia usuraia presso la quale aveva impegnati vari suoi oggetti e che considerava inutile per la società.
Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato