fbpx

Tornano a splendere gli arazzi fiamminghi: restauro aperto al pubblico all’Oratorio dei Bianchi

Nuova vita gli arazzi fiamminghi di Marsala. Da venerdì 17 luglio, dalle 9 alle 13 e previa prenotazione attraverso la App Youline, sarà possibile visitare presso l’Oratorio dei Bianchi di Palermo il cantiere dove si sta realizzando il restauro. Così i visitatori potranno avere “l’esperienza dei lavori”, assistendo in diretta alle operazioni che si svolgono sotto le direttive dei restauratori.

L’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, ha spiegato che “il restauro degli arazzi fiamminghi e il progetto complessivo di realizzazione del Museo degli Arazzi di Marsala sono espressione della volontà del Governo Musumeci di recuperare la memoria della Sicilia attraverso la valorizzazione del cospicuo patrimonio di beni immateriali, anche attraverso la valorizzazione delle professionalità molto qualificate, in grado di operare nel recupero e nella conservazione dei beni.

Sempre più – ha detto l’Assessore Samonà – dobbiamo lavorare affinché l’esperienza maturata da chi opera nel settore con riconoscimento di valore, possa fecondare e dar vita a percorsi di specializzazione nei diversi ambiti del restauro.

Auspico che la Sicilia nel giro di pochi anni possa essere un riferimento a livello mondiale come sede di restauro per i capolavori d’arte e che la nostra Terra possa diventare il “centro benessere e rigenerazione” per le opere d’arte”.

Gli otto arazzi fiamminghi che compongono la collezione di Marsala rappresentano un raro e pregevole esempio di arte tessile e pittorica della cultura europea del XVI secolo. Appartengono, sin dal 1589, al patrimonio della chiesa Madre di Marsala alla quale furono lasciati per testamento da Mons. Antonino Lombardo, già canonico della cattedrale di Mazara e arciprete di Marsala, di origine marsalese, cui erano stati donati dalla Corte spagnola.

Il restauro degli arazzi costituisce un brano di un progetto molto più ampio e di notevole respiro che prevede il recupero e l’adeguamento funzionale dell’eredità storico-culturale della Chiesa del Collegio di Marsala da trasformare in Museo degli Arazzi e del patrimonio tessile della Chiesa Madre. La Chiesa del Collegio dei Gesuiti dista poche centinaia di metri dall’attuale luogo di esposizione e dipende dalla Chiesa Madre, consentendo il rispetto delle volontà testamentarie.

Foto: Regione Siciliana

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato