fbpx

Tour Palermo Liberty: a spasso nella Belle époque palermitana dei Florio

Un Tour nella ‘Palermo Liberty’, la Belle époque palermitana dei Florio. Appuntamento domenica 12 luglio alle ore 16 (il tour delle ore 10 è sold out).

Il percorso inizierà da una lettura sulle rivoluzioni dei Cantieri culturali alla Zisa, dove venne costruita, alle spalle del celebre Castello della Zisa, una struttura per ospitare 23 capannoni industriali per la prestigiosa ditta Ducrot, produttrice di mobili Liberty.

Al suo interno, venivano realizzati i mobili liberty tra i più belli d’Europa, disegnati da Ernesto Basile. L’ascesa della ditta è da collegare, sicuramente, anche dai buoni rapporti con la famiglia Florio, personaggi che hanno reso immensa la Sicilia sia da un punto di vista artistico ma anche economico.

A pochi passi si trova il Villino Florio all’Olivuzza, un edificio immerso in uno splendido giardino, tra edifici moderni. Venne commissionato dalla ricca famiglia Florio all’architetto Ernesto Basile (1857-1932) e realizzato tra il 1899 e il 1902.

Il Basile in questo edificio, inserisci elementi decorativi originali, dalle colonnine romaniche a vivaci superfici barocche fino alle torrette cilindriche che rimandano ai castelli francesi. Negli anni ’60 un incendio doloso danneggiò buona parte degli interni, arredi, affreschi e alcuni dipinti. Oggi sono restaurati e visibili

L’ultima tappa, che si vedrà dall’esterno, sarà proprio la dimora dell’eccezionale architetto artista, Villino Ida Basile, progettato e costruito tra il 1903 e il 1904 e prese il nome dalla moglie “Ida Negrini di Novara” a cui Basile lo volle dedicare.

Tour Palermo Liberty – Info utili

  • Turni disponibili:
    ore 16 (posti ancora disponibili)
  • Percorso: Ex Capannoni Ducrot (oggi Cantieri Culturali della Zisa), Villino Florio e Villino Ida Basile (tappe esterne).
  • Durata circa 3 ore – costo € 12 (bimbi 5/10 anni €8)
  • Acquisto saltafila e/o prenotazione obbligatoria: 320.7672134 – 347.8948459 – eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline.

Foto GiuseppeT

Nessun commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato