0

È in vendita a Pantelleria il dammuso del fotografo Fabrizio Ferri. La residenza, commercializzato da Santandrea Luxury Houses (Gruppo Gabetti), ha ospitato numerosi ospiti del jet set internazionale, tra cui Sting. Proprio in questa casa, il cantante ha composto l’album “Mercury Falling”. «Ricordo che a Pantelleria – racconta Ferri – compose La Belle Dame Sans Regrets, una canzone scritta in francese, perché l’isola è un crocevia internazionale, un mare che unisce mondi lontani. L’isola lo ispirava. Lo sentivo spesso suonare la chitarra, ma non gli chiesi mai nulla per rispetto della sua privacy. Poi una sera mi disse che aveva un regalo per me e si presentò a cena con un mangiacassette e un quaderno. A fine cena accese il mangiacassette, su cui aveva inciso la sua chitarra, e cantò il suo nuovo album leggendo direttamente le parole dal quaderno dove le aveva composte. Questo fu il suo regalo».

La proprietà è in contrada Scauri, una delle più suggestive dell’isola, da cui si gode di un tramonto davvero straordinario. Si tratta di ben 26 ettari, con ulivi, agrumeti e 5 antichi dammusi, divisi in complessi indipendenti. Gli edifici sono stati ristrutturati con materiali e rifiniture in sintonia con Pantelleria, soprannominata la “Perla Nera” per la sua natura vulcanica. C’è anche una piscina con zona chill out per il relax. «Ho attuato un lavoro di restauro dei dammusi totalmente attento al rispetto della storia e della cultura dell’isola – ha aggiunto Ferri –. Ho scelto il tufo per i tetti e chiamato i mastri della pietra locali per riparare le pietre, ho preferito il cemento per bagni, pavimento e piscina, un cemento che si sposa con la pietra in modo naturale e armonico. I muri storti, gli archi a sesto ribassato dei dammusi sono un valore straordinario: è unica e meravigliosa l’architettura dell’isola e va rispettata. In questo mi sento un precursore, una fonte di ispirazione anche per chi ha comprato casa dopo di me. Rispettare la storia locale è fondamentale per far sì che l’isola rimanga bella come è».

Foto: copini

Leave a Reply