Apre il ristorante “I Giardini del Massimo” a Palermo - BE shopping
0

Un “salto” indietro nel tempo, agli splendori degli anni ’20, quando questo era il luogo più fascinoso della città di Palermo. La buvette del teatro Massimo torna agli antichi splendori. Ieri taglio del nastro per un nuovo luogo gourmet del capoluogo siciliano: I Giardini del Massimo. Non un semplice ristorante, ma un posto dove poter vivere, dalla colazione all’aperitivo alla cena, ma anche eventi privati e aziendali e una sala esclusiva dedicata di 38 posti dedicata alla cucina gourmet, nel contesto affascinante di uno dei teatri più belli del mondo. Un lungo lavoro di restauro, coordinato dalla Sovrintendenza ai Beni Culturali insieme al consorzio Giardini del Massimo che ha voluto fortemente l’opera. “Dopo tanti mesi di lavoro, sacrifici e confronto con sovrintendenza ai Beni culturali e sovrintendente del teatro Massimo, siamo riusciti a restituire uno spazio stupendo che rende vivo il teatro, in grado accogliere i palermitani, ma non solo – dice Rosario Alescio, a capo del consorzio che gestirà il locale, insieme a Giuseppe Biundo e Davide Alamia – Stiamo parlando del terzo teatro più importante d’Europa, il primo in Italia che va vissuto sempre, non solo quando ci sono le opere. L’apertura dei Giardini del Massimo, in un luogo naturalmente magico, rappresenta un’occasione incredibile per riportare la bellezza, la convivialità, la cultura democratica nel cuore pulsante di Palermo. I Giardini del Massimo sono stati pensati non solo per gli appassionati d’arte e del buon vivere, ma anche per i visitatori, per i curiosi di tutte le età che scopriranno un luogo familiare sentendo battere il cuore vivo della cultura palermitana.

“L’inaugurazione dei Giardini del Massimo rappresenta un segnale di vita particolarmente significativo considerando il difficile periodo pandemico dal quale, non senza difficoltà, stiamo cercando di uscire – dice Marco Betta, sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo – La questione Giardini del Massimo è una questione profonda della cultura del teatro che va oltre lo spettacolo per offrire uno spazio aperto alla condivisione di idee, progetti, esperienze. Costruire creatività attraverso la convivialità. I Giardini del Massimo sono quindi un luogo di ispirazione dove un bicchiere di vino non è solo un bicchiere di vino, ma un momento di riflessione profonda. Uno spazio aperto alle intelligenze che da Palermo, come da ogni altra parte del mondo, vorranno vivere questo luogo nel solco dell’esperienza dei grandi caffè letterari del passato. Sono molto grato a tutti coloro che hanno dato vita a questo progetto perché hanno fatto di un’impresa economica un atto di amore profondo, unendo abilmente conservazione e innovazione tanto in cucina quanto nei nuovi spazi interni ed esterni finalmente riqualificati e restituiti alla città”.

ph . Laura Crucitti

E a proposito di cucina, a dirigere la brigata c’è il giovane Gianvito Gaglio, nemmeno 30 anni, un diploma della scuola Alma di Gualtiero Marchesi e anche un’esperienza pluriennale con lo chef bistellato Antonino Cannavacciuolo. Mentre in sala c’è Paola Gioia. “Mi piace condividere i sapori e i profumi della nostra sicilianità, ricordando, giocando e sperimentando con l’esperienza maturata in cucina in questi ultimi anni – dice lo chef – I piatti stessi sono pensati per essere mangiati in differenti modi: alcuni in un boccone, altri da assaporare con le mani e altri ancora in cui si ha la possibilità di mischiare una o più salse di accompagnamento. La cucina è nutrimento e piacere: un viaggio sensoriale tra le emozioni e i ricordi, due ingredienti rilevanti nel mio ideale di cucina. Per noi siciliani soprattutto, l’immagine della nostra terra è sempre legata alla cucina e al buon cibo delle mamme e delle nonne: le “pollanche” (pannocchie) nei pomeriggi estivi, i “babbaluci” (le lumache) durante il Festino di Santa Rosalia, l’anguria fresca in riva al mare, i fichi d’india freddi a fine pasto, l’odore di carne arrostita per le vie della città, le arancine per Santa Lucia, il baccalà per l’Immacolata Concezione, l’urlo dei venditori nei mercati del Capo, di Ballarò e della Vucciria. Noi siamo così, riconosciamo nel cibo un gesto potente, primordiale e identitario”. E le idee di Gianvito si trasferiscono poi nei piatti. Che richiamano subito alla tradizione. E che hanno nel pesce l’ingrediente principale. Così il polpo a sfincione diventa il must da provare. Il polpo, cotto con tecniche moderne, ma che richiama alla fedele tradizione palermitana, condito con una salsa a base di pomodoro e cipolla e l’immancabile caciocavallo, a richiamare lo sfincione, uno degli street food più celebri della città. E ancora l’ombrina, servita a carpaccio, oppure il rombo con i tenerumi, o la parmigiana, ma fatta “in carrozza”, una deliziosa rivisitazione della “cugina” mozzarella ricoperta di panko e accompagnata da una maionese al basilico. Anche tra i primi vince la sicilianità e i richiami al suo territorio. Come i paccheri ai 3 pomodorini (Pachino, datterino e datterino giallo), le linguine alle vongole, un riso ai gamberi e i mitici spaghetti ai ricci con colatura di alici e lo zafferano che non ti aspetti a dare profumi unici. Tra i secondi non mancano il maialino nero dei Nebrodi, il coniglio abbinato a scampi e sommacco e la ricciola.

“Ogni spazio che si recupera alla fruibilità della città e che sia fatto nel segno del bello come in questo caso è un’iniziativa da apprezzare e rilanciare – dice il sindaco di Palermo Roberto Lagalla – Palermo ha uno straordinario afflusso turistico ed è bellissimo quando i luoghi più iconici di questa città possano essere messi a disposizione di una fruizione più ampia e qualificata”. “Questa città ha bisogno di messaggi positivi ed innovativi come quelli che emergono dai Giardini del Massimo – dice l’assessore comunale Giampiero Cannella – Oggi celebriamo una felice sintesi fra il Teatro Massimo, che rappresenta il punto più alto della cultura e della lirica siciliana e il patrimonio enogastronomico della nostra regione. Un messaggio rivolto a tutti, ma in particolare ai turisti. Perché è nella commistione dei sensi, del bello e del buono, che si può capire appieno il Dna della nostra terra”. “La riapertura della buvette-caffetteria del Teatro Massimo rappresenta un’occasione per ampliare la fruizione pubblica e valorizzare la centralità di questo edificio patrimonio della città, sia per l’eccezionale valenza architettonica che riveste, sia perché il simbolo del cambiamento culturale e mi riferisco alla riapertura nel 1997 dopo 23 anni di inattività – dice Selima Giuliano, sovrintendente ai Beni Culturali – Questo luogo, sono sicura, contribuirà alla frequentazione del teatro da parte sia dei nostri concittadini che dai molti turisti in visita a Palermo”. “L’idea principale nasce dal teatro e dalla storia del teatro stesso – dice l’architetto Luigi Smecca, che ha coordinato i lavori – quando questo luogo era un caffè letterario anni ’20. Abbiamo voluto mantenere lo stile floreale liberty che viene richiamato dal nome, la struttura delle foglie esterne e il colore verde degli interni che riporta agli anni del periodo nobel da cui poi si sviluppa lo stile Liberty”.

Leave a Reply